Lexmark

Lexmark - Cartucce e toner per stampanti

Per trovare le cartucce e i toner adeguati, basterà selezionare il modello della Sua stampante nel cockpit di Toner24.

Inserisci semplicemente il nome della stampante e scegli la stampante corrispondente. La stampante verrá poi salvata sul tuo Cockpit e verranno così visualizzati tutti gli articoli adatti per il modello selezionato.


missing localization

Produttori
Serie
Stampanti

Produttore per altri marchi. 

Nel 2001 Lexmark ha cooperato di nuovo con la propria casa madre, producendo una stampante laser IBM. La fabbricazione sotto altri marchi è una tradizione per Lexmark che, già alla fine degli anni 90’, ha realizzato la stampante a getto d'inchiostro per il marchio Compaq e in seguito quelle a laser e inkjet per la società Dell, prodotti che entrambe hanno commercializzato con i rispettivi marchi. Fino al 2002 Lexmark ha mantenuto anche la produzione di macchine da scrivere. Nello stesso anno, inoltre, la società ha anche presentato la sua prima stampante a getto d'inchiostro a colori con una risoluzione di stampa di 4.800 dpi, prestazione che possono fornire stampanti fotografiche come la P915 Inkjet Photo Printer. Cinque anni più tardi i prodotti a getto d'inchiostro Lexmark hanno dominato il settore della stampa Wi-Fi, offrendo diverse soluzioni di stampa mobile, per smartphone e tablet, e anche per la stampa sicura via internet attraverso la tecnologia cloud. 

Pietre miliari dell’azienda 

Già nel 1993 la prima stampante laser Lexmark stampava 16 pagine al minuto. Le pietra miliare successiva è stata posta nel 1997 con la prima stampante a getto d'inchiostro con una risoluzione di 1200x1200 dpi e, nel 1998, con la prima stampante laser a colori A3, capace di stampare fino a dodici pagine al minuto. Nell’ultimo periodo per Lexmark non sono mancati insuccessi economici. Nel 2012 la società ha annunciato la definitiva interruzione della produzione di stampanti a getto d'inchiostro. Nel 2013 è seguita, dunque, la vendita del settore della stampa a inchiostro, compresa una fabbrica nelle Filippine, alla società giapponese Funai Electric. Nel prezzo di vendita, di circa 100 milioni di dollari, erano inclusi anche 1.500 brevetti. La graduale eliminazione della tecnologia a inchiostro ha portato a un cambiamento del listino Lexmark, indirizzato verso la produzione di software e servizi, quali quelli di stampa gestiti. A questo ha contribuito anche l’acquisizione di quattro marchi nel settore del software nel giro di due anni. 

Bye bye inkjet! 

Non sono dunque previste nuove stampanti Lexmark a getto d’inchiostro. Tuttavia, chi possiede un tale dispositivo Lexmark a casa, per esempio il ColorJet P3120 o quelli dalla tipologia X Ink, non deve preoccuparsi: le relative cartucce a inchiostro, i toner e i materiali consumabili per i dispositivi Lexmark sono disponibili nel nostro Shop.